More Website Templates @ TemplateMonster.com - February04, 2013!

Note Storiche sulla Confraternita del Santissimo Sacramento

Nell’anno 1859 fu costruita la Chiesa del Sacro Cuore in Via Mustich (da non confondere con l’omonima Parrocchia) per interessamento dell’Arciprete Don Bartolomeo D’ANGELO e di vari devoti e fu benedetta dall’Arciprete medesimo per licenza ottenuta da Monsignor MARGHERITA il 21 novembre dello steso anno, festa della presentazione di Maria al Tempio, come sede della Confraternita del Santissimo Sacramento.

La Confraternita del Santissimo Sacramento, o del Santissimo Corpo di Cristo, già esistente in Latiano, nella Chiesa Parrocchiale sin dal 1550, alla fine del 700 fu disciolta perché “Sine regio permissu congregata”, nel secolo successivo fu ricostituita (precisamente nell’anno 1853) e riprese la sua attività nell’anno 1855, dopo aver ricevuto il Regio Beneplacito sulle regole e la fondazione, dapprima nella Chiesa Parrocchiale per poi passare nella nuova sede, nell’anno 1859.

Il Beato Bartolo Longo sin dall’apertura della Chiesa si prodigò per la devozione al Sacro Cuore di Gesù ed istituì la pratica dell’Ora di guardia al Cuore di Gesù di cui fu il primo iscritto. Il Beato mostrava anche una particolare devozione alla statua di San Giuseppe conservata nella Chiesa e negli ultimi anni della sua vita allorché partecipava al Sacrificio Eucaristico in questa Chiesa era solito sedersi all’ingresso vicino alla statua di San Giuseppe.

Nell’anno 1880 in questa Chiesa fu istituita una sezione dell’Apostolato della Preghiera.

La prima struttura della Chiesa si presentava rettangolare con tre altari, quello a sinistra dedicato alla Vergine del Rosario, infatti è tuttora presente la tela raffigurante la medesima Vergine fra San Domenico e Santa Caterina da Siena, l’altro a man destra fu dedicato a San Giuseppe da Copertino.

Agli inizi del 20° secolo la Chiesa fu ampliata aggiungendovi 2 cappelle di cui una è dedicata alla Vergine della Pietà e sull’altare è presente un quadro in cartapesta ad alto rilievo raffigurante la Pietà. Sempre nello stesso periodo fu realizzata la statua in cartapesta raffigurante l’Assunta. L’altra cappella è dedicata al Sangue Sparso ed attualmente vi si conserva il Santissimo Sacramento. (Salvatore Settembrini)

top